Qual è la migliore alternativa gratuita a Photoshop?

Da utilizzatore di software per editing video e non solo, restando in tema grafica, ho deciso da diversi anni di fare a meno della suite Adobe, in quanto mi sono reso conto che, per i miei lavori, posso risparmiare un po’ di soldi ed ottenere risultati altrettanto buoni, a volte superiori, usando software meno conosciuti, e in altri casi anche ricorrendo all’open source. Personalmente preferisco possedere il software che utilizzo, non mi piacciono gli abbonamenti, e quando si parla di open source o software gratuiti, quando uno di questi lo reputo ottimo e lo utilizzo quotidianamente, provvedo a fare delle donazioni nel tempo. Ci tengo anche a dire che i software non vanno “piratati”, anche se in rete è molto facile trovare crack, rimane una cosa sbagliatissima, in quanto la creatività va remunerata altrimenti non si va avanti. Infatti una delle domande che mi sono sempre posto è quale fosse l’alternativa migliore a Photoshop dal punto di vista della manipolazione delle immagini, grafica e disegno e sono andato a finire nel mondo dell’open source. Premetto che per il disegno e illustrazione uso Clip Studio Paint, e a parte ciò, ho cercato a lungo pareri su internet finché ho deciso di sperimentare in prima persona utilizzando quello che veniva consigliato come software alternativo ossia Gimp.

Con Gimp effettivamente si riesce a fare editing professionale, volendo, il suo problema è la mancanza di fondi continui che permetta uno sviluppo costante e coerente del programma, e questo è un problema dell’open source in generale. Ad agosto del 2018 sono stati donati 100.000 dollari a sostegno dello sviluppo e nel 2019 ne vedremo delle belle. Gimp non è molto intuitivo ma tutto sommato si trovano tanti tutorial in italiano e guide. Soprattutto spero che, in seguito a questa sostanziale donazione, nelle prossime release si ridefinisca l’interfaccia grafica con un look più coerente e moderno.

Dopo diverso tempo però ho provato anche Krita (altro programma open source), ritenuto da tantissimi utenti un ottimo programma per l’illustrazione digitale e mi sono reso conto che oltre alle sue caratteristiche votate all’illustrazione e animazione fame by frame, presenta le medesime caratteristiche di un programma di manipolazioni immagini, con l’aggiunta di livelli vettoriali anche se non presenta un formato standard vettoriale per l’export come SVG, ma solo formati per export di immagini raster o file di progetto (anche in psd) come Gimp. I tools e filtri a disposizione sia per Gimp che per Krita sono simili a Photoshop, forse Krita si avverte una logica e una interfaccia grafica più affine al programma dell’Adobe. Gli strumenti da disegno e animazione sono superiori a Gimp, anche se in Gimp nelle ultime versioni sono stati integrati i pennelli di un altro software open source che si chiama Mypaint. Krita presenta i classici strumenti per ritocco immagine, come ad esempio il clone, istogramma, levels, emboss, blur, livelli di fusione, strumenti per disegno prospettico, strumenti di trasformazione e deformazione e adjustment layer come Photoshop chiamati filter layer in Krita. Oltre ai filtri presenti c’è anche l’intero pacchetto di altri filtri open source G’MIC-Qt. Tra Gimp e Krita non prevarrà mai nessuno perché i due programmi non sono uguali, entrambi hanno cose diverse e molte volte si può ottenere la stessa cosa, lo stesso vale per Photoshop che rimane unico nel suo genere. In questi casi non esiste il programma perfetto ma solo il programma più consono alla situazione. Se si ha più a che fare con il fumetto, illustrazione, animazione tradizionale, grafica e per ultimo fotoritocco , consiglierei Krita, Gimp se l’ordine di preferenza è al contrario, altrimenti entrambi, tanto sono gratuiti!

Di seguito i link per scaricare i programmi.

Gimp

Krita

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*